Cinque lezioni che le donne leader nel settore dei media hanno appreso al lavoro durante la pandemia

gruppo di donne leader

2 agosto 2022 | Jareen Imam, Sr. Content and Editorial Manager

Secondo uno studio condotto da McKinsey nel 2021, la pandemia ha avuto fin dall'inizio un impatto sproporzionato sulle donne in termini di assunzione di un maggior numero di attività domestiche, di assistenza ai figli e di gestione delle responsabilità lavorative. 1 Secondo un rapporto del National Women's Law Center del 2021, circa due milioni di donne hanno perso il lavoro o si sono licenziate a causa della pandemia. 2 Inoltre, secondo un rapporto dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro del 2021, l'occupazione femminile è diminuita, a livello globale, del 4,2% tra il 2019 e il 2020, più di un punto percentuale in più rispetto a quella maschile,3

Molte delle donne che hanno continuato a lavorare hanno dovuto adattarsi per gestire famiglia, salute, carriera e responsabilità personali. Amazon Ads e l'organizzazione britannica Women in Advertising and Communications Leadership (WACL) hanno organizzato un incontro con quattro leader del settore della pubblicità e dei media che hanno raccontato come hanno affrontato questo mutevole contesto lavorativo e di come tali cambiamenti abbiano influito sulla loro vita professionale e privata.

Di seguito vengono riportati cinque punti chiave elaborati da donne che ricoprono posizioni di leadership nel settore della pubblicità e dei media che spiegano come gli spazi lavorativi e personali possano essere più equi per le donne.

1. Condividi le responsabilità (se possibile)

Radha Davies, Director of Brand Communications and Creative di Sainsbury's, ha affermato di aver notato uno spostamento di responsabilità nella vita privata e nella carriera lavorativa durante il picco della pandemia. Dato il numero crescente di persone che lavorano a casa tramite portatile, Davies ha affermato che il carico di lavoro con il quale le donne dovevano destreggiarsi tra le responsabilità domestiche e lavorative è diventato sempre più palese.

"Penso che le donne abbiano iniziato a pretendere di più dai loro partner e questo ha permesso agli uomini di assumersi la giusta parte di responsabilità. È stata una cosa davvero molto positiva", ha affermato Davies. "Anche la flessibilità lavorativa nata dalla pandemia è stata di grande aiuto. Mi piace vedere che ora i membri maschili del mio team si prendono delle pause dal lavoro per andare alle recite scolastiche o accompagnare i propri figli a una festa. Ritengo che la responsabilità condivisa, che ha raggiunto l'apice durante la pandemia, sia rimasta invariata".

Laura Belchier, Head of Retail and Hospitality di Amazon Ads, ha affermato di vedere un maggior numero di colleghi di sesso maschile che lavorano in altre aziende che si prendono del tempo libero per stare con le proprie famiglie. "Su LinkedIn comincio a vedere molti più post di uomini che condividono le loro esperienze di congedo parentale o che raccontano ai loro collegamenti che si stanno prendendo una pausa dal lavoro per prendersi cura dei propri figli, una cosa incredibile che non avevo mai visto prima d'ora", ha dichiarato. "Spero solo che ci sia maggiore equità nella responsabilità genitoriale, soprattutto nei primi anni dell'infanzia".

2. Trova spazio per le conversazioni difficili

La pandemia ha rivoluzionato le condizioni di lavoro. Rania Robinson, CEO e partner dell'agenzia Quiet Storm, ha affermato che tali cambiamenti hanno spinto le donne che lavorano nel settore dei media e della pubblicità ad affrontare conversazioni difficili con i propri partner.

"Nella migliore delle ipotesi, la pandemia ha permesso di rimettere in discussione la suddivisione dei lavori domestici, consentendo alle coppie di rivalutare e riconsiderare ciò che funziona nel proprio ambiente domestico. Nel peggiore dei casi, ha comportato un impatto incredibile sulle donne, ma avere la possibilità di affrontare questo tipo di conversazioni è stato molto positivo", ha dichiarato Robinson.

3. Prova soluzioni flessibili

Diversi relatori hanno sottolineato l'importanza di poter disporre di orari di lavoro flessibili e la necessità di ideare ulteriori soluzioni per aiutare i dipendenti a lavorare in ambienti ibridi o remoti. Robinson ha dichiarato che il suo team ha promosso attivamente il lavoro flessibile.

"Stiamo fornendo toolkit e framework che le persone possono letteralmente scaricare dal sito web di WACL. Sono tanti i datori di lavoro che mettono a disposizione opzioni di lavoro flessibili. Questa è stata probabilmente la cosa migliore derivante dalla pandemia per la cultura del lavoro aziendale", ha aggiunto Robinson.

4. Prediligi una leadership empatica

Dato che molte persone lavorano più a lungo, Robinson ha affermato che ricordarsi di essere empatici è stato fondamentale per fidelizzare i dipendenti e avere un impatto positivo su di essi.4

"La leadership empatica ha svolto un ruolo molto importante durante la pandemia, e questa non è una prerogativa esclusiva delle donne, anche se stiamo parlando soprattutto di loro. Ciò ha messo in primo piano la leadership femminile e ha creato un'opportunità per le donne leader", ha raccontato Robinson. "Tuttavia, ha anche esercitato una forte pressione su di loro affinché assumessero questo tipo di leadership".

Durante l'incontro State of Women at Work tenutosi a Londra, le donne leader hanno parlato del valore della leadership empatica sul posto di lavoro.

5. Sii gentile nei tuoi confronti

Deborah Joseph, European Editorial Director di Glamour e moderatrice dell'incontro, ha affermato che è importante che le donne ricordino di essere gentili con sé stesse.

"Ad un certo punto, bisogna essere gentili con sé stessi e pensare di fare del proprio meglio nelle circostanze peggiori e più difficili. Ho visto l'ambiente domestico dei membri del mio team: alcuni di loro vivevano con dei coinquilini o erano confinati in una cucina. Loro hanno visto me e la mia difficile situazione a casa con i bambini e i cani. Ora c'è sicuramente un senso di empatia che non credo ci fosse prima", ha raccontato Joseph.

I relatori hanno analizzato l'evoluzione delle culture lavorative e il motivo per cui è importante essere gentili, competenti ed empatici.

1 "Women in the workplace" (Le donne sul posto di lavoro), McKinsey & Company, tutto il mondo, 2021.
2 Covid-19 jobs related report (Report sui posti di lavoro durante il Covid-19), National Women's Law Center, Stati Uniti, 2020.
3 "Women's rights to work and at work at the core of the COVID-19 recovery" (I diritti delle donne al lavoro e sul lavoro alla base della ripresa a seguito del Covid-19), Organizzazione Internazionale del Lavoro, 2021, tutto il mondo.
4 "We work longer hours during the COVID-19 pandemic, research says" (Secondo una ricerca, durante la pandemia di Covid-19 si lavora più a lungo), Forbes, Stati Uniti, 2021.